Intervento don Ubalo Speranza - Movimento dei Cursillos di Cristianità in Italia

Cursillos di cristianità in Italia
SITO UFFICIALE DEL MOVIMENTO
Vai ai contenuti

Menu principale:

Intervento don Ubalo Speranza

Linee programmatiche dalla celebrazione del Cinquantennale del Movimento in Italia – (Papa Francesco – Card. Bagnasco – Vescovo Trasarti) (dal discorso di Papa Francesco)

“… Questi pionieri del vostro Movimento furono autentici missionari: non esitarono a prendere l’iniziativa e coraggiosamente si avvicinarono alle persone, coinvolgendole con simpatia e accompagnandole nel cammino della fede con rispetto e amore. Questo è importante: la simpatia, la compagnia... Una cosa voglio dire del vostro movimento: voi non avete fatto proselitismo! E questa è una virtù. La Chiesa non cresce per proselitismo, ma per testimonianza - ci ha detto Papa Benedetto che poi ha proseguito - Ed è cosi! Voi non avete fatto proselitismo. E’ una grazia di Dio. Seguendo il loro esempio, anche voi oggi volete annunciare la Buona Notizia dell’amore di Dio, facendovi vicini agli amici, ai conoscenti, ai compagni di studio e di lavoro perché anch’essi possano vivere un’esperienza personale dell’amore infinito di Cristo che libera e trasforma la vita. Quanto è necessario uscire, andare oltre, senza mai stancarsi, per incontrare i cosiddetti lontani
Per aiutare gli altri a crescere nella fede, compiendo un percorso di avvicinamento al Signore, occorre sperimentare in prima persona la bontà e la tenerezza di Dio. Questa esperienza è l’inizio del cammino che voi fate. Quando voi vedete, vi accorgete che nella vostra vita Dio è stato tanto buono, tanto tenero, tanto misericordioso, questo vuole uscire, vuole arrivare agli altri. Il Signore vuole incontrarci, il Signore vuole dimorare con noi, essere amico e fratello, il nostro maestro che ci rivela la strada da percorrere per giungere alla felicità. Egli non ci chiede nulla in cambio, chiede solo di accoglierlo, perché l’amore di Dio è gratuità, dono puro. Questo è importante! Per dare testimonianza è necessario riconoscere che tutto quello che noi abbiamo è dono puro, è regalo, è gratuito, è grazia. E questo non si compra, questo non si vende! E’ un cammino di gratuità, è un cammino che non si può spiegare: «Ma perché a me, Signore? Cosa devo fare? »; «Dillo agli altri!». Comunicare quello che il Signore ha fatto con me, con tanta tenerezza, con tanta bontà, con tanta misericordia. Questa è la testimonianza. La testimonianza amicale del dialogo fra amici. L’incontro con Cristo, e con la misericordia del Padre che Egli ci dona, è possibile anzitutto nei Sacramenti, in particolare nell’Eucaristia e nella Riconciliazione. Nella Santa Messa noi celebriamo il memoriale del suo sacrificio: ancora oggi Egli realmente dona il suo Corpo per noi e versa il suo Sangue per redimere l’umanità. Nella Penitenza Gesù ci accoglie con tutti i nostri limiti e peccati, per donarci un cuore nuovo capace di amare come Lui, che amò i suoi sino alla fine (cfr Gv 13,1). E ogni volta che torniamo a chiedere perdono, Lui perdona, perché Lui sa che noi siamo deboli, che noi siamo peccatori. Abbiamo la laurea di peccatori! Tutti. E Lui sa questo. E Lui ci riceve sempre, con amore. Un’altra via è la meditazione della Parola di Dio, specialmente la lectio divina, leggere la Parola di Dio, leggere la Bibbia…
…Questa familiarità con la Parola di Dio, questo ci avvicina al Signore. E così possiamo ascoltare il Signore che ci indica il cammino da percorrere e ci incoraggia di fronte alle incertezze e difficoltà che la vita presenta. Infine, incontriamo l’amore di Cristo nella Chiesa, che testimonia nelle diverse attività la carità di Dio. L’amore di Gesù nelle opere di misericordia…
Il metodo di evangelizzazione dei Cursillos nacque proprio da questo ardente desiderio di amicizia con Dio, dalla quale scaturisce l’amicizia con i fratelli.
Fin dall’inizio si è capito che solamente all’interno di relazioni di amicizia autentica era possibile preparare e accompagnare le persone nel loro cammino, un cammino che parte dalla conversione, passa attraverso la scoperta della bellezza di una vita vissuta nella grazia di Dio, e giunge fino alla gioia di diventare apostoli nella vita quotidiana. E così, da allora, migliaia di persone in tutto il mondo sono state aiutate a crescere nella vita di fede. Nel contesto odierno di anonimato e di isolamento tipico delle nostre città, quanto è importante la dimensione accogliente, familiare, a misura d’uomo, che voi offrite negli incontri di gruppo. Si fa amicizia. Ci saranno problemi, qua o là… Ci saranno sempre, ci sono problemi. Ma bisogna far crescere l’amicizia. «Ma, Padre, quando facciamo crescere l’amicizia, crescono anche alcune liti, gelosie, invidie…». Cosa ha detto il Signore? Quando il diavolo semina la zizzania, lasciatela crescere. Voi fate crescere il grano buono, l’amicizia. E la zizzania all’ora della raccolta sarà bruciata e il grano darà il suo frutto…
…Io vi chiedo di mantenere sempre il clima di amicizia e fraternità in cui pregare e condividere ogni settimana le esperienze, i successi e i fallimenti apostolici…
In queste riunioni di piccolo gruppo è importante affiancare momenti che favoriscano l’apertura ad una dimensione sociale ed ecclesiale più grande, coinvolgendo anche chi è venuto in contatto con il vostro carisma ma non partecipa abitualmente ad un gruppo. Una dimensione sociale e ecclesiale più grande, che coinvolga anche quelli che non hanno contatto con il vostro carisma, che non partecipano abitualmente al gruppo. La Chiesa, infatti, è una «madre dal cuore aperto» che ci invita a volte a «rallentare il passo», a «rinunciare alle urgenze per accompagnare chi è rimasto al bordo della strada» (Esort. ap. Evangelii gaudium, 46). E’ bello aiutare tutti, anche chi fa più fatica nel vivere la propria fede; aiutare a rimanere sempre in contatto con questa madre Chiesa, sempre vicini a questa grande famiglia accogliente che è la madre Chiesa, la nostra santa madre Chiesa…
...E il vostro compito è andare e portare questa bella notizia: Dio abita in noi, Dio è in noi. Questa è la grazia! Aiutare gli uomini e le donne di oggi a scoprire la bellezza della fede e della vita di grazia. E lo farete se sarete docili, in atteggiamento di umiltà e fiducia, alla guida di questa santa madre, la Chiesa, che sempre cerca il bene di tutti i suoi figli; se sarete in sintonia con i vostri Pastori e uniti con loro nella missione di portare a tutti la gioia del Vangelo”.

***
(dall’omelia del Card. Bagnasco)

….Ogni carisma è originato dallo Spirito Santo ed è per la costruzione e la bellezza della Chiesa, ma altresì nasce sollecitato dalla storia. La storia drammatica degli anni quaranta era piena di macerie, le macerie della guerra, ma anelava disperatamente alla pace e aveva bisogno di ritrovare Dio. E oggi non ritroviamo forse alcuni tratti che ci fanno pensare a quelle origini? Molte sono ancora le macerie che ingombrano il mondo, le macerie delle cose e dei singoli, degli stati e dei popoli. Soprattutto le macerie dello spirito. Si può vivere con poche cose, sì, ma non si può vivere senz’anima, senza il senso del nostro esistere e del nostro morire. Si può essere sazi e opulenti, ma senz’anima la vita resta vuota. Da qui nasce la passione del Cursillo: portare Gesù al mondo dimentico di Dio, agli uomini distratti che sono spesso come pecore senza pastore che da pellegrini si fanno nomadi e vagabondi che non sanno più da dove vengono e dove andare. Creature senza Creatore e quindi senza più volto, storia, destino. Spesso annoiati e angosciati. Non bastano significati nobili perché la vita abbia un senso e sia piena, significati nobili che ognuno cerca, trova, costruisce. Rapporti virtuosi, amore vero, famiglia, lavoro, professione, partecipazione alla vita degli altri, tutti significati nobili, ideali alti, che danno sì significato all’esistere, ma se tutto fosse destinato alla morte, al vuoto, allora nulla avrebbe senso, resterebbe solo l’attimo fuggente. Solamente ciò che perdura, solamente ciò che è eterno e dona eternità, può dare pienezza e valore a ogni nostra azione, momento, gioia, sofferenza. Dio solo è il senso pieno del nostro pellegrinare e Lui è venuto a cercarci. Cristo è il cammino di Dio verso l’uomo, è il volto del suo perdono è la sua misericordia ed è la nostra gioia. Solo Dio che è l’Eterno e quindi in grado di dare l’eternità alla nostra esistenza ed alle nostre azioni, può essere il senso profondo, pieno, definitivo, ultimo, del nostro pellegrinare nel tempo. Solo Dio, perché Lui solo può bucare la parete della morte e riempire il dramma, il rischio, la prospettiva del nulla…
…Un’amicizia centrata su Cristo. Non è forse questo il messaggio che Gesù proclama nella sinagoga di Nazareth: oggi si è avverata questa scrittura che voi avete udito con i vostri orecchi. Anche noi cari amici, anche noi vogliamo come gli ascoltatori di allora stare con gli occhi fissi sopra di Lui. Vogliamo puntare il cuore su di Lui. Vogliamo riempirci del suo sguardo, della sua Parola, del suo nome. Lo facciamo personalmente ogni giorno, nella nostra preghiera quotidiana, nei sacramenti, nell’Eucaristia ma oggi lo facciamo insieme come Movimento per rinnovare l’esperienza dei primi discepoli e di quella comune amicizia che vi lega non tanto su simpatie umane, su sintonie d’opinione, ma è fondata sull’avere tutti un grande amico comune Gesù.
Se il nostro legame non si basasse su Gesù sarebbe troppo umano e quindi fragile, di corto respiro. Infatti, quando i nostri rapporti di cristiani non si basano su Cristo, non si fondano su Lui, e per Lui non siamo disposti a giocarci tutto, ci si divide.
La divisione è sempre il Segno visibile che non siamo fondati su Gesù Cristo, ma su altro. Opinioni, indirizzi, linee di pensiero, interessi, ambizioni, vanità, ma non su Gesù Cristo... e allora ci dividiamo. Ma la vostra amicizia, i vostri rapporti voi volete fondarli e cercate di viverli giorno per giorno sul comune amico Redentore, Salvatore, il Figlio di Dio benedetto, il centro della storia, del Cosmo, l’orizzonte ultimo e quindi il compagno di strada dei nostri giorni: Cristo…
…Cari cursillisti, annunciate la gioia del vangelo, smontate i pregiudizi con la vostra testimonianza umilmente fiera, non temete la dittatura del pensiero unico, non sottoponetevi alla violenza subdola ed antidemocratica del nostro mondo. Siate come un fuoco sempre acceso... ecco la preghiera, i sacramenti, la parola di Dio, la chiesa, sempre acceso così che chiunque possa avvicinarsi e trovare calore, sciogliere i nodi interiori, curare le ferite della vita e dell’anima, trovare olio e vino, scoprire la locanda materna della Chiesa.
***
(dall’intervento del Vescovo Mons. Trasarti)

…Se i cristiani non brillano del fuoco dell’amore, della passione della verità, dell’entusiasmo della bontà e del dono di sé, come potrebbero infiammare il mondo? Noi abbiamo bisogno gli uni degli altri per crescere nella fede, per progredire nella conoscenza della verità. Solo nella misura in cui prenderemo coscienza di questa responsabilità, che abbiamo gli uni nei confronti degli altri, portando i fardelli gli uni degli altri, potremo rispondere del dono di Dio…
…La nostra fede ha bisogno di essere nutrita, fortificata, dal contatto regolare con il mistero della Parola di Dio e del Corpo del Signore. Senza la sua Parola, senza la sua Eucaristia, non possiamo fare nulla…
…È perché vivremo di lui che il Signore ci farà vivere, moltiplicherà le nostre comunità e le renderà ferventi e vive, come raccontato in Atti degli Apostoli 5,12-16.
Non lasciamoci paralizzare dalle nostre inquietudini, dalla povertà dei nostri mezzi. Senza di lui non possiamo far nulla, certo; ma con lui, tutto diventa possibile! Con lui, più nulla è impossibile…

…La Buona Notizia, il Vangelo, annuncia che Dio interviene e trasforma, cambia, capovolge, rovescia le situazioni a favore dell’uomo. La vita che nasce dal Vangelo è capace di restituire alla vita senso e dignità, porta a scoprire che la vita vale la pena di essere vissuta, pur nella paura, nello smarrimento, nell’anonimato che le nostre città possono generare e ci sprona a cercare punti fermi che nemmeno la sofferenza ha la capacità di togliere o smentire…

…Le crisi di senso (cf. EG 50.109) che sono spesso accompagnate dall’incapacità o dalla fatica di gustare la vita, sembrano essere paradossali in un contesto sociale che ha la pretesa di offrire il contrario. Eppure le crisi di senso oggi si rivelano provvidenziali: la drammaticità del vivere, l’eccedenza oscura della vita rispetto ad ogni senso ideale, l’esperienza sempre più dolorosa del limite, della precarietà e della morte, la questione irrisolta del male e del negativo, lo scontro con l’indifferenza e con l’ingiustizia… tutto ciò fa esplodere ogni risposta preconfezionata. Questa ‘provvidenziale’ crisi ci consente di prendere congedo dalle false sicurezze per iniziare veramente un cammino di vita adulta alla ricerca del senso e del significato…

…La gioia del Vangelo è dono dello Spirito, solo lo Spirito è capace di generare la gioia della consolazione, che spinge verso la capacità di amare Dio in tutte le cose e tutte le cose in Dio, dove l’amore si qualifica come la più alta via di senso e di testimonianza.
La gioia coinvolge, mossa da desiderio di diffondere e di comunicare ad altri la via possibile della felicità…
Questo è il senso della testimonianza: vivere la gioia per risvegliare in altri il desiderio della ricerca del loro personale percorso verso la sensatezza della vita che, necessariamente, si manifesta nella qualità alta delle relazioni umane, ricordandoci che una relazione impegnata con il Signore non può non impegnarci a favore degli altri…
…L’amore è capace di condividere i tempi della gioia e non si assenta mai nei momenti del dolore e della fatica. entrare nel fiume della gioia esige almeno due cose:
La prima è di non assolutizzare mai il proprio dolore, anche quando fosse assai difficile da portare.
La seconda è di non privatizzare mai né il proprio dolore né la propria letizia, che vanno portati insieme nella consapevolezza di un amore che ci viene da Dio a cui possiamo sempre attingere e in cui possiamo sempre immergerci.
Mi chiedo con voi: quanti, incontrando un uomo, una donna o una comunità possano dire: “Che bella la vita, le parole, le relazioni che vivono queste persone! Esse riescono a trasmettere amore per una vita bella, desiderio di parole sincere, passione per relazioni vere, voglia di contagiare il Vangelo della gioia!”…
…È il fascino del bene che ci è chiesto. Dare fiducia a Dio: fede come accoglienza di una persona. Naturalmente la fede fa fiorire una ricchezza operativa straordinaria (pietà – studio – azione = riunione di gruppo).
Il fascino, ovvero il mostrare a quale ricchezza la fede ci conduce. Il fascino suscita fiducia e compagnia.
Il vero problema è cosa c’entri TU (rivolto a Dio) con la mia vita!? Solo io posso rispondere. La risposta deve avere l’aggettivo “MIO”. “Mio Signore e mio Dio”. Mio come il respiro e, senza, non sarei…

…Oggi il sangue dei testimoni è più urgente dell’inchiostro degli scrittori. Gli uomini d’oggi sembrano stanchi di parole: credono a ciò che vedono e a ciò che toccano. C’è una parola-suono e una parola-vita; la vita impastata di coerenza…
…Occorre una fede profumata di vita.
Il cristiano non è uno che obbedisce a una legge, ma uno che depone le armi di fronte all’amore. E questo dà gioia. Io credo che la gioia sia il termometro della vita spirituale. Più sono vicino a Dio e più sono felice…
…Fede è amare la vita in tutte le sue forme, infinita passione per tutto l’esistente. Non devo diminuire l’umano per far posto al divino, al contrario. Più Vangelo entra nella mia vita più io vivo…

…Nella fede ci sono tre passi: ho bisogno; mi fido; mi affido.
ho bisogno: all’inizio, uno stringersi a Dio perché abbiamo bisogno, come chi si aggrappa perché ha paura, sta scivolando, ha messo un piede in fallo, e protende le braccia per non essere trascinato giù.

mi fido: uno stringersi come il bambino in braccio a sua madre; che si fida di ciò che la madre fa per lui, crede in un abbraccio che nutre e da forza alla vita; obbedisce a ciò che gli chiede, perché sa che non sarà mai ingannato, mai tradito, mai abbandonato: mi fido di te.

mi affido: come quando l’amato si stringe all’amata e ciascuno consegna la sua vita nelle mani dell’altro, consegna tutto: felicità, libertà, futuro, corpo e anima, in un abbraccio che fonde in una due vite, che dice: mi manca la vita se tu mi manchi. Allora potrò raccontare la mia fede come si racconta una storia d’amore…

…Fede è anche piacere di amare e di essere amato; la fede rende i credenti uomini e donne coraggiosi, che osano una parola evangelica nella chiesa come nella storia.
Il coraggio della parola si fonda sul coraggio dell’ascolto, sul coraggio di aprirsi alla Parola di Dio (audemus audire, non solo audemus dicere) che ci libera dal servilismo nei confronti delle parole vincenti e prepotenti, dalla viltà e dai timori riverenziali.
…Il coraggio della parola si fonda sul coraggio dell’ascolto, sul coraggio di aprirsi alla Parola di Dio che ci libera dal servilismo nei confronti delle parole vincenti e prepotenti, dalla viltà e dai timori riverenziali…

Vivenza e convivenza-condivisione del proprio cammino nella fede rinnovata

…Artefici di comunione perché il mondo creda!

La fraternità (riunione e vita di gruppo)
“Sentiamo la sfida di scoprire e trasmettere la “mistica” di vivere insieme, di mescolarci, di incontrarci, di prenderci in braccio, di appoggiarci…Il Vangelo ci invita sempre a correre il rischio dell’incontro con il volto dell’altro…
Lì sta la vera guarigione, dal momento che il modo di relazionarci con gli altri che realmente ci risana invece di farci ammalare, è una fraternità mistica, contemplativa, che sa guardare alla grandezza sacra del prossimo, che sa scoprire Dio in ogni essere umano, che sa sopportare le molestie del vivere insieme aggrappandosi all’amore di Dio, che sa aprire il cuore all’amore divino per cercare la felicità degli altri come la cerca il loro Padre buono”. (Evangelii gaudium 87. 92)

…Nella costruzione della nostra identità personale è fondamentale la capacità di entrare in relazione con gli altri. Fondamentale è anche la capacità di vivere la relazione come un dono reciproco e non come una dipendenza…
…La fraternità è il luogo dello scambio di interiorità, del dono di sé, in cui vivere la corresponsabilità, la partecipazione, l’interdipendenza…
…Nella fraternità la radice dell’amore è la fede. La fraternità evangelica è una comunità di fede, riunita sotto la Parola…
…L’amore della fraternità non è spontaneo, ma frutto di una convinzione; perché suo padre è mio Padre e il mio Dio è il suo Dio. In Dio Padre ci si riunisce per amarsi, rispettarsi, perdonarsi, comprendersi e comunicare reciprocamente.
Siamo fratelli nel disegno divino che Cristo rivela, ma non basta. Occorre imparare a diventare fratelli. La fraternità va costruita. La fraternità chiede coinvolgimento nelle relazioni umane; per stare con i fratelli bisogna scegliere di servire.
Il servizio ci insegna a prendere l’iniziativa intuendo i bisogni, ci porta su strade che non avremmo umanamente scelto.

La testimonianza (narrare l’esperienza di fede)
L’ascolto di un racconto può cambiare la vita di un uomo: per noi è essenziale imparare nuovamente a raccontare, a leggere, ad ascoltare; quando avvengono queste cose la persona cambia, perché si sente attratta da una Verità che gli appartiene e che, prima di quell’ascolto, gli era sì vicina, ma inaccessibile.
L’incontro fra il racconto e il suo ascoltatore conduce quest’ultimo a una rivelazione di sé, a una identificazione, a una trasformazione, a una conversione. Si tratta di una esperienza simile a quella apostolica narrata dai Vangeli: il racconto coinvolge l’ascoltatore, qualcosa inizia a parlargli, rivelandogli ciò che neppure lui conosce di se stesso; comincia allora a sentire, a vedere, a pensare in un modo diverso; qualcosa lo attira, lo affascina, ma nello stesso tempo, esercita una forza, una pressione, impone un cambiamento sempre più radicale…

…La formazione deve essere in grado di dare significato alle esperienze quotidiane, interpretando la domanda di senso che alberga nella coscienza di molti. Ciò può avvenire in modo particolare testimoniando e narrando la fede a partire da una vita spirituale intensa: Dio si è rivelato agli uomini con gradualità, con eventi e parole intimamente connessi…

…Ognuno di noi ha un piccolo racconto della propria storia, una linea rossa che spiega ed unisce le esperienze vissute dandole senso. Sono le narrazioni della nostra esistenza, sono le “parole maestre” che interpretano e chiariscono, che ci fanno comprendere e ci aiutano ad indirizzare la nostra vita.
Che cosa c’entra Dio? Cosa c’entra con la mia storia? La mia fede: il racconto autentico della mia vita…

…Se noi possiamo dire che quel Gesù è “buona notizia” per noi oggi è perché c’è stata una parola, custodita e riportataci dalla comunità dei credenti, che ha svelato-interpretato il senso di quella storia.

…L’ultreya è una sorta di catecumenato che aiuta a prendere coscienza della propria vocazione nella Chiesa, mediante la “vivenza” e la “convivenza-condivisione” del proprio cammino nella fede rinnovata, rendendo presenti le testimonianze di vita che, per fede, lo Spirito ha saputo suscitare…
…Il Cursillo vuole mantenere questo clima di “pellegrinaggio”, fatto anche di cadute e mancanze e pertanto mette in guardia dal sentirsi “arrivati”.
…I cristiani non devono però scoraggiarsi; devono continuare a diffondere la loro concezione della vita individuale e sociale, con il metodo fraterno verso tutti. Il dialogo diventa importante ed entra a far parte della stessa missione evangelizzatrice della Chiesa, in intimo legame con l’annuncio di Cristo, che è la sua ragione di essere nel corso della storia umana. Oggi con tale dialogo sentiamo di contribuire alla pace sociale e di concorrere a quel “ministero di riconciliazione” (2 Cor 5,18) al quale siamo chiamati, in forza della nostra missione”.




Webmaster
Gianluigi Genovese
Torna ai contenuti | Torna al menu