Movimento dei Cursillos di Cristianità in Italia

Cursillos di cristianità in Italia
SITO UFFICIALE DEL MOVIMENTO
Vai ai contenuti
Un Movimento di Chiesa che, mediante un metodo proprio, rende possibile la vivenza e la convivenza del fondamentale cristiano, aiuta la singola persona a scoprire e a rispondere alla propria vocazione personale e promuove la creazione di gruppi di cristiani che fermentino di vangelo gli ambienti".
COMUNICAZIONI
La tecnologia ed il Cursillo ai tempi del Covid19
AREA RISERVATA




Zoom
Webex
Molte diocesi stanno utilizzando in questo periodo le piattaforme informatiche per le Ultreyas, gli incontri del Coordinamento e le Riunioni di Gruppo.  Fermo restando che gli incontri con la presenza fisica sono insostituibili questa esperienza ci ha regalato anche diversi aspetti positivi:
  • Partecipazione di amici che da tempo si erano allontanati
  • Presenza di coppie con bambini piccoli
  • Partecipazione di amici che per età o malattia erano impossibiltati a partecipare fisicamente
  • Riunioni di Gruppo con componenti fisicamente molto lontani
Queste considerazioni ci devono stimolare, non a sostituire le nostre riunioni con presenza fisica che sono un elemento imprescindibile della nostra metodologia, ma bensì a cogliere l'occasione per migliorare ed ampliare la nostra comunicazione.
Per questo motivo vi invitiamo a esprimere il vostro pensiero e a raccontare la vostra esperienza utilizzando il modulo allegato. Con lo stesso modulo anche le varie diocesi possono aprire le porte delle loro Ultreyas a fratelli di altre parti d'Italia.
E' una occasione, cogliamola!
LINK A SITI CATTOLICI
UN PENSIERO DI EDUARDO

CIO’ CHE IL CURSILLO E’, RISPETTO A CIO’ CHE NON E’

Il Cursillo di cristianità non è un bagno di spiritualità che, di tanto in tanto è bene fare per curare un poco lo stress che il vivere in un mondo così complicato ci produce, un’oasi per rafforzarsi interiormente e poi continuare a lottare.

Il Cursillo di Cristianità va dritto al midollo, al midollo dell’uomo affinché scopra che è persona e che quindi ha la capacità di convinzione profonda, di decisione centrata e di costanza assicurata.

Il Cursillo cambia la mentalità di chi, oltre che andarci volontariamente, mette nel cursillo la propria capacità di sognare, la sua dedicazione e il suo spirito di carità.

Chi ha fatto un Cursillo, ma un Cursillo Cursillo, di quelli che durano tre giorni, di quelli dove partecipano uomini con uomini e giovani, e di quelli dove partecipano donne e donne giovani. Di qualsiasi età, l’unica cosa necessaria è che abbiano personalità per incontrare se stessi.

Un Cursillo di quelli che coloro che l’organizzano si prendono il tempo necessario per prepararsi bene, con orazione e studio, non perdendo di vista che il Cursillo vero ha come obiettivo quello di contagiare la gioia della fede e che soltanto si può contagiare la fede che si vive. Il Rettore del Cursillo, insieme al Direttore Spirituale, sono gli incaricati di preparare ed addestrare l’Equipe, osservando il comportamento degli eletti nelle successive Ultreyas.

Per  quanto riguarda i candidati si deve tentare che partecipino al Cursillo uomini e donne, sempre separatamente, possibilmente con personalità e che abbiano qualità specifiche perché possano scoprirsi  come persone, nella propria singolarità e nella propria creatività, affinché una volta vissuto il messaggio del Cursillo siano atte a comunicarlo agli altri.

Non si tratta di fare molti Cursillos e per riuscirci, abbassare la mira, mettendo come esca per gli uomini che vi assistano donne, o alle donne che vi assistono uomini, o farli di due giorni o di un giorno.

Tutto questo suppone una manifesta infedeltà al carisma fondazionale aggiungergli acqua, farli allegramente light.

Per questa ragione, quelli che per grazia di Dio a forza di studio ed orazioni li concepimmo e strutturammo, sentiamo il dovere di darne costanza affinché non si dia il nome di Cursillos a qualcosa che non lo è.

A cura di don Gian Paolo Muresu
"Eduardo intercedi per noi..." ?
un interessantissio articolo di don Alessandro Fadda
LETTORE AUDIO
Canti antichi del cursillo
 1. Adios con el corazon
00:00
 2. De Colores 1
00:00
 3. decolores 2.MP3
00:00
 4. Que_Detalle
00:00
 5. Recuerdo del cursillo.MP3
00:00
 6. Si quieres estar alegre.MP3
00:00
 7. vittoria.MP3
00:00
00:00
00:00
MODELLO INFORMATIVA
TRATTAMENTO DATI

Sorelle e Fratelli carissimi,


sappiamo tutti che il 1° giugno avevamo un appuntamento speciale, da molto tempo programmato:

la Settima Ultreya Nazionale

e l'incontro straordinario con Papa Francesco in Aula Paolo VI.

Purtroppo siamo stati tutti costretti nelle nostre case fin dalla fine del mese di febbraio e di conseguenza tutte le varie attività diocesane, territoriali e nazionali saranno riprese non appensa saremo ritornati "alla normalità". 

Comunque desidero ricordare che l'Ultreya si terrà il 28 novembre 2020 su indicazione della Prefettura del Vaticano e con la presenza di Papa Francesco.

Prepariamoci quindi fin da ora a offrire Intendenze affinché questa Ultreya si possa realizzare e ci auguriamo con la presenza di tante sorelle e fratelli - laici, sacerdoti, diaconi - di tutte le diocesi: sarà un momento di gioia e di entusiasmo per continuare a vivere e trasmettere il carisma e raggiungere la finalità del Cursillo con nuove strategie di azione.

Durante questi mesi di clausura in molte diocesi si sono tenute Ultreyas e altri momenti formativi e di preghiera usufruendo dei mezzi tecnologici che sono a disposizione, e che forse potranno servire anche in futuro.

Anche se lontani è pur sempre gioioso vedere i volti degli amici, condividere momenti vicino a Cristo e anche difficoltà incontrate e azioni apostoliche a sostegno di altri fratelli.

Usiamo veramente questi mezzi che possono servire in questo periodo per:

- Incontri territoriali

- Coordinamenti Diocesani

- Momenti di formazione in sostituzione della Scuola Responsabili

- Ultreyas ed altre attività che ogni diocesi trova opportune.

Tutto in attesa di poter incontrarci e riprendere i Cursillos nelle diocesi.

a tutti l'augurio di arrivare pronti e con più entusiasmo il giorno della ripresa.

Cristo conta su ognuno di noi, anche e specialmente in questo periodo di prova.


DECOLORES 

 ULTREYA


1° giugno 2020: Festa di Beata Vergine Maria Madre della Chiesa




Bacheca del Coordinatore nazionale

Carissimi cursillisti,

 

è questo un momento difficile che stiamo vivendo tutti insieme, una prova a cui nessuno si può sottrarre. 

Molti di noi in questi giorni possono sentirsi spaesati, impauriti o anche angosciati: è umano, non ci dobbiamo meravigliare o scoraggiare, ma nello stesso tempo dobbiamo anche reagire con determinazione. 

Mi viene spontaneo pensare alla prima sera del nostro Cursillo quando siamo stati invitati a rientrare in noi stessi, a rileggere la nostra vita, a lasciarci illuminare dalla presenza del Signore. 

“Conosci te stesso?” è la domanda che ci è stata rivolta e nel silenzio e raccoglimento abbiamo cercato di rispondere. 

Ora ci viene nuovamente posta non tanto per fare un esame di coscienza in vista della confessione, ma per capire quali virtù ci sono necessarie per vivere da cristiani questo momento. 

La prima è indubbiamente la PAZIENZA, lo diciamo spesso “ho perso la pazienza ”, forse ora è il momento di coltivare questa virtù, impariamo dal contadino che dopo aver seminato sa aspettare con fiducia, oppure da una donna in attesa del suo bambino: la pazienza è la virtù dei forti. 

Infatti l’altra cosa da chiedere è la FORTEZZA, non quella dei muscoli, ma dello spirito che sa affrontare le avversità confidando nella grazia di Dio, attraverso la preghiera insistente. 

Non stanchiamoci di pregare da soli oppure in comunione con gli altri attraverso le varie opportunità che ci vengono offerte: radio, televisione, social evitando però quelle ”catene” che a volte rasentano la superstizione. 

La preghiera nasca sempre da un cuore libero per entrare in comunione con Dio, senza aver paura di castighi o altro, ma per attingere forza e consolazione. 

Infine un invito alla SPERANZA che non solo è “l’ultima a morire”, ma ci tiene in vita per combattere contro lo spirito del male e tutto ciò che può uccidere l’uomo. 

Mentre i governanti prendono le decisioni, i dottori e gli infermieri curano gli ammalati gravi e i sacerdoti alzano le braccia verso il cielo (così mi sento in questo momento, come Mosè sul monte) a tutti è chiesto di seguire le varie indicazioni che ci vengono rivolte. 

Mai come in questo momento la parola ULTREYA è appropriata, “Avanti” con fiducia nel Signore invocando la protezione di Maria con questa bella preghiera: 

 

SOTTO LA TUA PROTEZIONE CERCHIAMO RIFUGIO, SANTA MADRE DI DIO, 

NON DISPREZZARE LE SUPPLICHE DI NOI CHE SIAMO NELLA PROVA, 

MA LIBERACI DA OGNI PERICOLO, O VERGINE GLORIOSA E BENEDETTA. 

AMEN.

 

Don Matteo

 

Bacheca dell'Assistente spirituale nazionale
SITI DIOCESANI
Carisma fondazionale
I Cursillos in Italia
Organismo mondiale OMCC
Webmaster
Gianluigi Genovese
Torna ai contenuti